offerta didattica

scegli la tua scuola

Scuola dell'infanzia Scuola Primaria

Scuola Secondaria di Primo Grado

Scuola Secondaria di Secondo Grado

 

scegli l'argomento

  • Leggende ladine

  • Vita quotidiana e territorio

  • Storia e società ladina

  • Ritualità

  • Percorsi storico-artistici

  • La Grande Guerra 1914-1918

 

scegli dove

Museo Ladino
Sezione sul territorio del Museo
Mostra La Grande Guerra
Territorio della Val di Fassa

 

scuola


argomento


dove


 

Leggende ladine

 

   

1. I Monti Pallidi

La leggenda dei Monti Pallidi prenderà vita sotto gli occhi dei bambini che, trasformati in piccoli nani, verranno coinvolti in attività laboratoriali. Si imparerà a filare il chiarore della luna realizzando facili intrecci, anche con piccoli telai e altri strumenti creati appositamente.

* Ad anni alterni e solo per un periodo limitato; per le date rivolgersi ai Servizi Educativi


   

2. Marisana e il fuso d'oro 

Grazie al racconto La tousa valenta i piccoli partecipanti saranno guidati dagli stessi protagonisti della storia all'osservazione degli oggetti esposti in alcune sale, mentre nella seconda parte dell'incontro i bambini potranno cimentarsi in una divertente attività pratica.



   

3. Sul sentiero delle leggende

ESCURSIONE di mezza giornata in collaborazione con il Rifugio  Gardeccia

Un vero e proprio viaggio nel leggendario regno di Re Laurino, che guiderà i bambini lungo il sentiero tra Ciampedie e Gardeccia e racconterà loro sei tra le più belle leggende ambientate tra le vette del Catinaccio.

*Per raggiungere il Ciampedie è necessario l’utilizzo della funivia (contatti e costi non compresi).


     

4. C’era una volta... Salvans, Bregostènes e altri ancora

Nelle sale del Museo i bambini scopriranno i luoghi della trasmissione del sapere per poi imparare a conoscere i personaggi della tradizione orale fassana attraverso divertenti giochi, filmati e drammatizzazioni.

* Possibilità di abbinamento con l’escursione “Sul sentiero delle leggende”.


     

5. Magìa di simboi: la strega nella zangola

I personaggi della tradizione orale popoleranno il percorso alla scoperta dell’ancestrale legame tra mondo umano e leggi della natura. Analizzando i simboli, scolpiti o dipinti sugli oggetti esposti, e le usanze rituali ad essi legati, si ricercheranno i segni del magico nella cultura quotidiana.



     

6. Leggende e figure mitologiche

NOVITÀ!!!

­­­Nella moderna sala multimedia gli studenti potranno immaginare i personaggi del mito ladino Salvans, Vivènes, Stries e Bregostènes, attraverso una ricostruzione delle fonti della tradizione orale supportata da materiali video, letture di leggende e dalla visita nella sezione dedicata del Museo.



     

7. La Vivana scacciata. Le radici del mito

NOVITÀ!!!

Una nuovissima installazione multimediale ripropone in chiave contemporanea un antico racconto che svela la vera natura degli antichi abitanti della montagna. L’attività condurrà i partecipanti agli albori della civiltà ladina scoprendo i segreti della Vivèna, personaggio della tradizione orale nella sua espressione più arcaica.





 

Vita quotidiana e territorio

 
   

8. Giacomina e i suoi amici

Una storia rielaborata ad uso didattico, l’esplorazione delle sale museali, giochi di movimento e musicali consentiranno di prendere in esame le fasi di lavorazione necessarie ad ottenere la farina per la panificazione.     

*L’attività didattica può essere abbinata con la visita al mulino (12) e con il laboratorio sulla panificazione (9), così da realizzare un percorso completo sull’intero ciclo di trasformazione della materia prima.

     

9. I lavori di Luglio

Il tema della fienagione, introdotto dalla lettura animata della Contìa de Messèl di Simon de Giulio, diventa pre-testo per osservare con attenzione i beni della cultura materiale esposti nelle sale, per poi completarsi in attività di gioco cooperativo e ricerca partecipata.    



     

10. Il mio paese un tempo e adesso                                

Un percorso incentrato sulla scoperta del territorio fassano attraverso le vie principali dei vari paesi di provenienza dei bambini. Una selezione di foto d'epoca e un'uscita sul territorio permetteranno di tracciare una mappa delle zone e degli edifici più significativi.



     

11. Pan un, pan doi, pan trei... La panificazione tradizionale

Prima l’arte della panificazione tradizionale sarà svelata passo dopo passo grazie ad una vera e propria “caccia” agli utensili originali di un tempo e dopo sarà il momento di mettere le mani in pasta e realizzare tutti i passaggi necessari per gustare i panec, le gustose pagnotte di farina di segale.

*Il laboratorio può essere abbinato con la visita al mulino (12) e con l’attività didattica “Giacomina e i suoi amici” (8), così da realizzare un percorso completo sull’intero ciclo di trasformazione della materia prima.


     

12. Chel dal formai…. La caseificazione ieri e oggi        

All’interno del “Caseificio sociale Val di Fassa vi è la sezione del Museo “L Malghier ” in cui si illustrano le fasi di lavorazione del latte secondo il sistema tradizionale di caseificazione per poi confrontarlo con la lavorazione odierna, visitando direttamente le adiacenti sale produttive del caseificio.



 

13. Śira molin, sièla e orc fin. Visita al mulino                       

La visita al Molin de Pèzol inizia all’esterno della struttura con l’osservazione delle canalizzazioni e del sistema di trasmissione delle tre grandi ruote a pale azionate dalla spinta dell’acqua. All’interno del mulino sarà possibile osservare da vicino il sistema degli ingranaggi, le componenti del complesso molitorio e l’attrezzatura del mugnaio.

*Per i più piccoli la visita al mulino può essere integrata con le attività didattiche “Giacomina e i suoi amici” (8) e “Pan un, pan doi, pan trei… La panificazione tradizionale” (9) così da realizzare un percorso completo sull’intero ciclo di trasformazione della materia prima.


 

14. L trùnden del rò. Visita alla segheria di Penia                                                                  

La visita alla segheria di Penia, l’unica esistente in val di Fassa di tipo “alla veneziana”, permetterà di vederla in funzione analizzandone nel dettaglio l’intero meccanismo. Si discuterà infine dello sfruttamento boschivo nel corso della storia, accennando anche ai recenti eventi calamitosi che lo hanno visto, suo malgrado, protagonista.

* Possibilità di integrazione con la visita alla sezione sul territorio “L Segat. La Silvicoltura” (15).


 

15. Dò l troi del legn. Dal bosco alla segheria

Partendo dall’elemento primario del bosco, si intraprenderà un viaggio ludico di esplorazione e di stimolazione sensoriale volto a scoprire e riconoscere alcune essenze tipiche di questo ambiente. In seguito, i numerosi oggetti esposti e i supporti multimediali presenti nella sezione de “L Segat. La Silvicoltura”, saranno il veicolo concreto per imparare a conoscere da vicino i mestieri tradizionali del boscaiolo, del segantino e del carpentiere.

*Possibilità di integrazione con la visita all'antica segheria di Penia (14).
*Su richiesta è possibile abbinare all'attività una passeggiata nel bosco accompagnati da un custode forestale per approfondire l'argomento trattatato. 




 

Storia e società ladina

 
     

16. Io abito sui Pigui. Dalla selce al ferro                                      

L’analisi del castelliere retico dei Pigui e dei suoi ritrovamenti permetteranno di ricostruire le sue  caratteristiche e le principali attività svolte all’interno del villaggio preistorico. I partecipanti, inoltre, dovranno confrontarsi con le tecniche e i materiali propri dell’età dei metalli per creare alcuni manufatti di uso quotidiano.


     

17. Le mie radici. Musica, filastrocche e canti ladini  

Un percorso alla scoperta della musica tradizionale, una delle attività più amate dai fassani che fin dal XVI secolo si dedicarono al mestiere di suonatori itineranti. L’analisi di un ricco repertorio di supporti audio-visivi, immagini fotografiche e antichi strumenti musicali evocherà l’eco di antichi canti popolari e filastrocche del contesto locale messo a confronto con altre realtà di minoranza.



   

18. Pittori e colori

I pittori fassani hanno caratterizzato un tratto di storia della valle con i loro i lunghi viaggi stagionali, lasciandoci molto da imparare: la tecnica, i colori e i simboli utilizzati. Durante il laboratorio i partecipanti si cimenteranno nella sperimentazione pratica utilizzando le tecniche pittoriche tradizionali.



   

19. La speisa da zacan. Il sistema alimentare tradizionale 

NOVITÀ!!!

L’attività si propone di analizzare il sistema di trasformazione, conservazione e consumo delle fonti di sostentamento prodotte in un’economia povera e caratterizzata da difficili condizioni ambientali.

* Il percorso si può abbinare con le visite alle sezioni museali sul territorio del mulino (13) e del caseificio (12) per creare un ciclo di incontri utile a fornire una panoramica completa sull’argomento della alimentazione.


 

20. Usi civici e giuridici della Comunità di Fassa

NOVITÀ!!!

Dall’analisi delle antiche fonti documentali sì fornirà un inquadramento storico degli aspetti giuridico-legislativi che determinarono la vita politica e sociale della Comunità di Fassa ed il suo ruolo di raccordo con il Principe vescovo di Bressanone, qui signore territoriale.



     

21. "L’invenzione delle Dolomiti”. Storia del turismo in Val di Fassa

NOVITÀ!!!

“L’invenzione delle Dolomiti” sarà il focus per un’analisi dettagliata dell’evoluzione del turismo in Fassa da iniziale evento d’élite, a fenomeno di massa fino all’inserimento delle Dolomiti nel patrimonio dell’Unesco. Giochi a squadre e osservazione di materiale d’archivio saranno utili per un confronto finale nell’omonima sezione del museo.





 

ritualità

 
     

22. Che fèjel pa l zeberchie? Maschere e farse fassane

L’uso di video, materiale iconografico e il contatto diretto con le maschere, introdurranno i bambini nell’affascinante mondo delle mascherèdes, le farse carnevalesche tradizionali, i cui personaggi stessi prenderanno vita attraverso giochi e simulazioni.

* Per le classi del IV e V anno, possibilità di abbinamento con “Sleghiamo il Carnevale!” (23/3)

   

23. I colori della festa

1 - 4 incontri fruibili anche singolarmente

Quattro unità accompagnate da attività laboratoriali e musicali, fruibili anche singolarmente, sono finalizzate alla scoperta della vita della comunità ladina scandita dai momenti delle festività rituali e dai ritmi della natura.

 

            1. Santi, spiriti e Re

            2. Piccolo gioco da nulla e da poco

            3. Sleghiamo il Carnevale!

            4. Evviva gli sposi!



   

24. De spiz o de cuf? Le tradizioni pasquali in Fassa

NOVITÀ!!!

Partendo da fonti storiche, visione di materiali d’archivio e di reperti presso le sale del museo si potranno conoscere le antiche tradizioni legate alle festività pasquali ma soprattutto sperimentare in prima persona le tecniche artigianali di un tempo per colorare le uova di Pasqua.



   

25. Jù la facera! Travestimenti e farse fassane

Attraverso l’uso di documenti iconografici e video, si scopriranno le mascherèdes, le farse carnevalesche tradizionali, alla ricerca dei segreti costruttivi delle maschere lignee e dell’analisi dei tratti codificati nel comportamento dei diversi personaggi*.

* Per la scuola Secondaria di Primo Grado, possibilità di abbinamento con “Sleghiamo il Carnevale!” (23/3).




 

percorsi storico-artistici

 
   

26. I tesores de la Pieif. Visita storico-artistica alla Pieve di San Giovanni            

La visita all’antica Pieve di Fassa, pregevole esempio di architettura in stile gotico-alpino, permetterà l’osservazione critica delle numerose opere artistiche rappresentate e sarà un ottimo strumento didattico per approfondire le tematiche legate alla storia dell’arte locale, divenendo punto di partenza per l’introduzione a numerosi aspetti della storia della val di Fassa.

* Possibilità di abbinamento con la visita al Santuario di Santa Giuliana (27).

   

27. I mistères de Sènt’Uiana. Visita storico-artistica al Santuario di S. Giuliana  

La chiesa di Santa Giuliana è tra i più antichi edifici religiosi presenti in val di Fassa, sorta su di un primitivo luogo di culto precristiano, permeato di mistero e sfondo di numerose leggende. La visita sarà l’occasione per intraprendere un interessante viaggio alla scoperta di un ambiente ricco di importanti testimonianze di diverse epoche.

* Possibilità di abbinamento con la visita alla Pieve di San Giovanni (26).




 

LA GRANDE GUERRA 1914-1918

 
   

28. Visita guidata generale alla mostra

1914-1918 “La Gran Vera” La Grande Guerra: Galizia, Dolomiti

Percorso di visita alla mostra della Grande Guerra. L'attività, appositamente calibrata per le diverse classi, è consigliata come primo approccio alla mostra.

* Possibilita di abbinare la visita generale ad un laboratorio tematico (29-34).

     

29. La Grande Guerra racconta

L’osservazione diretta delle numerose tipologie di fonti presenti all’interno della mostra, sarà il punto di partenza per analizzare e comprendere l’importanza del documento come testimonianza storica scritta, iconografica o materiale.



   

30. La vita quotidiana in tempo di guerra

I numerosi reperti e cimeli esposti in mostra permetteranno ai partecipanti di ricostruire alcuni momenti della vita dei soldati e della popolazione della valle, rendendo così possibile la comprensione delle difficili condizioni affrontate durante il conflitto.



   

31. La guerra in montagna

Grazie alla scenografica ricostruzione di trincee, baraccamenti e postazioni di montagna, i ragazzi potranno immedesimarsi nella realtà vissuta dai soldati, costretti a combattere in situazioni drammatiche, ad altitudini mai così elevate e in condizioni disumane.



   

32. Scritture di guerra

La lettura e l’analisi dei diari scritti in tempo di guerra dai soldati e dai civili fassani, daranno modo ai partecipanti di comprendere a fondo lo stato d’animo di chi ha combattuto in prima linea e di chi ha vissuto sulla propria pelle l’immane tragedia del primo conflitto mondiale.



   

33. Dai Kriegsmaler a "Guerra alla guerra!"

Attraverso la lettura critica dei quadri dei “Pittori di guerra” (Kriegsmaler) e delle crude immagini dell’anarchico pacifista Ernst Friedrich, i partecipanti avranno modo di comprendere il significato strategico della propaganda bellica raffrontandolo a quello meno noto dell’anti-propaganda.



   

34. Richard Löwy. Dalla Grande Guerra alla Shoah

Percorso tematico incentrato sulla figura di Richard Löwy, comandante ebreo del Genio Militare austro-ungarico durante la Grande Guerra a Moena e in seguito vittima dell’olocausto. Gli studenti ricostruiranno la sua biografia sulla base dei materiali video e degli apparati didascalico-fotografici esposti nella mostra.





 

altre proposte

 

Proposte per il Turismo Scolastico

Uno o più incontri didattici per conoscere la storia, la cultura e le tradizioni dell’etnia ladina, pensati per scolaresche in viaggio di istruzione. Oltre alle sale del Museo Ladino, sarà possibile visitare le sezioni sul territorio e scegliere tra le numerose tematiche proposte.

   

 

    



Progetti in partenariato

Ogni docente che abbia piacere e possibilità di realizzare con la propria classe un progetto educativo inerente la realtà locale nei suoi diversi e specifici aspetti culturali potrà sempre trovare nei Servizi Educativi un’équipe composta di esperti nel settore, nella comunicazione, nella linguistica e nella didattica museale.

I Servizi Educativi sono disponibili ad offrire sia supporto che vere e proprie collaborazioni, al fine di instaurare un rapporto di partenariato per progettare e gestire insieme progetti educativi, condividendo metodologie, strategie ed obiettivi formativi.

Inoltre alcuni progetti sperimentati durante gli anni passati possono essere adattati alle esigenze delle singole classi o utilizzati come punto di partenza per nuovi percorsi.


     

 

   

 

 

 

 

 

 

Eventi

Nessun evento in programma.

Shop

Newsletter

Per restare in contatto con l’Istituto e il Museo e ricevere i nostri aggiornamenti ti invitiamo a iscriverti al nostro nuovo servizio di newsletter.

Cookies | Web Policy | Impressum | Sitemap | P.IVA 00379240229